via del Ponticello 22 emilianoamici@hotmail.com +39345932031
Il Mistero dell'Anello di karnak (o simbolo di Luxor)

I misteri dell’Anello di Karnak (o simbolo Luxor)

Miti e misteri dell’Anello di Karnak (o simbolo Luxor)

Conosciuto anche come Anello del Re, l’Anello di Atlantide o Anello dell’Immunità, l’Anello di Karnak è uno dei simboli più importanti, ricchi e potenti. Sembra che il simbolo, sotto forma di incisione in un anello, sia stato trovato nella Valle dei Re di Luxor intorno al 1860 in una tomba di un alto membro della società egizia. Viene usato in radionica anche in forma bidimensionale. L’originale, secondo Massimo Frisari, è conservato nell’abitazione del grande radiestesista De Belizal che insieme a Morel e Chaumery rappresenta membro di spicco del “triumvirato” radiestesico che studiò in maniera estremamente approfondita l’affascinante mondo delle Onde di Forma.

Appartenuto prima ad Howard Carter (racconteremo la sua storia più tardi), l’Anello di Karnak venne studiato con gli strumenti radiestesici inventati proprio da de Belizal (pendolo PU6 ad esempio) e fu proprio lui a battezzarlo col nome “Anello di Luxor”. Non è di certo un caso che lo scopritore di questo anello, tale marchese di Agrain, fosse proprio un antenato di de Belizal. Per oltre 50 anni l’anello fu un mistero, il proprietario infatti non voleva farlo studiare né fotografare e tutti coloro i quali volevano dilettarsi nel riprodurlo avevano a che fare solamente con confusi e pochi schizzi che rendevano l’opera compiuta non perfetta. Solamente alla fine degli anni ’80 del 1900 si riuscirono ad avere misure e foto ufficiali che consentirono la realizzazione di un anello a regola d’arte.

Quali sono le proprietà dell’Anello di Luxor bidimensionale?

Il simbolo bidimensionale dell’Anello di Luxor emette onde di forma salutari ovviamente ma diverse da quelle dell’anello: di certo il simbolo Anello di Luxor blocca qualsiasi forma di negatività da oggetti, dal cosmo, dalla terra ma anche da strumenti elettromagnetici come un forno a microonde, un cellulare, un router wi-fi ecc…Precisiamo che va ad eliminare la componente negativa della radiazione. La negatività esce dal simbolo prendendo la direzione indicata dalle punte dei due triangoli. Se ad esempio mettessimo Luxor su un nodo geopatico, noi trarremo benefici ma la geopatia (che ricondiamo non si può annullare) viene estromessa dai vertici dei triangoli. Il simbolo si potrebbe impregnare ed essere totalmente inefficace, a quel punto o si ristampa oppure si procede ad una disimpregnazione radiestesica.

L’Anello di Luxor, essendo naturalmente tondo, non ha le stesse funzioni: le negatività tendono ad uscire dai buchi sottoposti ai vertici dei triangoli per evitare che rimangano all’interno dell’anello.

Come usare adeguatamente l’Anello di Luxor sul corpo?

Naturalmente gli innumerevoli anelli presenti in commercio sono delle copie più o meno fedeli all’originale e sono costruiti con argento pure 999. Anello di Luxor, quali sono le sue proprietà?

Secondo la tradizione:

  • procura l’immunità contro tutte le aggressioni invisibili
  • protegge contro le influenze e i pericoli di qualsiasi natura
  • forma un muro vibratorio che neutralizza tutte le vibrazioni malefiche, i sortilegi e le fatture
    migliora lo stato generale di salute
  • favorisce i contatti metafisici
  • è uno strumento personale poiché si armonizza al magnetismo della persona che lo porta. Funziona attraverso microvibrazioni impercettibili (Onde di Forma).

Portato nella mano sinistra protegge dalle perturbazioni geopatiche e magie occulte. Durante il sonno o durante una meditazione favorisce contatti psichici.
Portato nella mano destra ci conferisce più chiarezza espositiva e capacità persuasiva.

L’Anello di Luxor avrà un impatto sul corpo in base al dito ove verrà indossato.

  • pollice: scheletro e testa
  • indice: sistema respiratorio, sistema nervoso. Vitalità, azione
  • medio: influenza su tutte le funzioni del corpo, sistema digestivo
  • anulare: sistema uro-genitale, azione sul simpatico e il parasimpatico
  • mignolo: circolazione, cuore

L’anello ha una energia prevalente su QUEL punto specifico ma non per questo il corpo, nella sua interezza, non possa trovare giovamento.

L’Anello di Karnak e la Maledizione di Tutankhamon

Nell’Anno del Signore 1922, una importante spedizione inglese con a capo Howard Carter scoprì nella Valle dei Re la tomba di Tutankhamon, un faraone con una modesta impronta storica essendo diventato faraone solo a dieci anni. Chiunque si sia avvicinato agli studi di quella scoperta dall’alto valore storico sarà incappato nella leggenda della Maledizione del Faraone. Si narra che addirittura 22 persone morirono nel giro di pochi anni alcuni in maniera assolutamente incredibile…quindici di loro erano presenti nel momento dell’apertura del sepolcro

Riportiamo qualche esempio.

Lord Carnarvon che finanziò il lavoro di Carter aprì la tomba assieme al capo spedizione: dopo poco, punto da una zanzara, incappò in una infezione che di primo acchitto sembrava non dover creare enormi problemi. Tuttavia, il 27 marzo 1923 ebbe una sincope all’interno della tomba seguito da deliri. Il 5 aprile 1923 Lor Carnavon morì dopo una congestione polmonare (con febbre altalenante) e notti terribili a causa di in cui, venne punto da una zanzara e contrasse un’infezione, che non risultava però preoccupante.

L’archeologo La Fleur arrivò in Egitto nell’aprile 1923. Amico intimo di Carter e di saluta più che ottima, morì dopo una misteriosa malattia diagnosticata dopo pochi giorni.

L’archeologo inglese Arthur C. Mace, ebbe il merito di abbattere il muro della camera mortuaria: strani malesseri lo colpirono poco dopo la morte di Lord Carnarvon morendo…nello stesso albergo del suo collega.

Georges Jay Gould, amico di lord Carnarvon, miliardario, arrivò in Egitto per le esequie. Dopo la visita alla tomba di Tutankhamon sotto la guida di carter, Gould morì la sera stessa dopo una febbre altissima.

Evelyn White, archeologo e collaboratore di Carter, si uccise impiccandosi dopo una serie di depressioni nervose iniziate poco dopo la visita della camera mortuaria. “Ho ceduto alla maledizione che mi ha costretto a scomparire”

Alfred Lucas e Douglas Derry  parteciparono all’autopsia della salma e poco dopo morirono di infarto.

Aubrey Herbert, fratellastro di Carnarvon, si suicida nel corso di un attacco di follia tanto improvviso.

Lady Almina, moglie di lord Carnarvon, muore a causa di una puntura d’insetto.

Sempre nell’ anno 1929, Richard Bethell, ex segretario di Carter, viene travato morto nel letto a causa di un improvviso collasso cardiaco.

Richard Bethell era figlio unico di lord Westbury. Tre mesi dopo, quest’ultimo, che ha settantott’anni si uccide, gettandosi dalla finestra del settimo piano del suo appartamento londinese. Nel corso del funerale di lord Westbury, il carro funebre travolge due adolescenti. Uno di essi muore durante il trasporto all’ospedale.

Solo Howard Carter che fu il vero artefice della scoperta scampò alla fantomatica maledizione: quando la tomba fu aperta notò uno strano anello con dei simboli molto strani. Messo al dito, l’anello di Luxor lo protesse da qualsiasi influenza negativa stimolando il campo eterico e soprattutto immunologico di chi lo indossa.

File:LUXOR 2.jpg - Naturpedia

Puoi scaricare questo simbolo cliccando col bottone destro del Mouse e Salva con Nome!

Pospremiti sobu sektor žaljenje anello di karnak acquisto - tedxdharavi.com

Ideale da applicare sul cellulare, sotto il letto, dietro alla TV, un microonde ecc…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *